Il valore dell’Archivio Storico di Tollegno 1900 non è solo quello di documentare i trascorsi e lo sviluppo di Tollegno 1900, ma anche quello di fornire ispirazione a designer, creativi e stilisti che visitandolo potrebbero trovare suggerimenti utili per dar spazio al loro estro. Oltre a documenti e a tessuti, l’Archivio Storico di Tollegno 1900 può anche contare su una cospicua collezione di riviste di moda utili da consultare per cercare gli abiti realizzati nel corso del secolo scorso con i tessuti dell’azienda. “Per gli anni Sessanta, per esempio, è stato possibile confrontare i tessuti presenti nei campionari di quegli anni con i modelli proposti dalla rivista è di moda”, che aveva affidato al grande stilista e illustratore lombardo Alberto Lattuada il compito di tracciare le linee in voga nelle diverse stagioni. Il suo inconfondibile tratto – racconta Marinella Bianco di Acta Progetti che ha curato la collana “Quaderni dell’Archivio Storico di Tollegno 1900” (ed. Niniqa) – ci guida ad esplorare le tendenze degli anni1962-63”.

Si scopre così che per la primavera-estate le linee erano semplici e disinvolte ma con un tocco di ricercatezza – come sottolineato, ad esempio, dai particolari del bolero con le frange, ndr – i colori erano brillanti nei toni del rosso e del verde e i tessuti finissimi: crespo di lana, tricotine, etamine.

“L’autunno-inverno metteva invece in luce una fastosa eleganza declinata sia in colori raffinati ma decisi che eleggevano il rosso lampone e blu, il senape e nero a emblemi, sia nell’impiego di lane soffici, aerate, traforate, operate”.  Un viaggio nello stile, un itinerario nella moda, ma soprattutto un percorso nel costume italiano.