22/11/2022
Filati, Stile e Tendenze, T Talk
27 anni, cinese di nascita ma cittadino del mondo per visione, il creativo spiega come ha sviluppato la capsule realizzata usando Harmony e Harmony NT per la sfilata di chiusura del Master Accademico di I livello in Creative Knitwear Design di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna.

Si chiama Mingyang Zhang e per professionalizzare la sua passione per il design e la maglieria ha preso parte a CKD Master dove ha utilizzato il filato Harmony di Tollegno 1900 per la sfilata di chiusura.  Un’esperienza fortemente arricchente per la sua carriera come spiega lui stesso.

Cosa ti ha spinto a prendere parte al Master Accademico di I livello in Creative Knitwear Design di Accademia Costume & Moda e Modateca Deanna?

Mi è stato consigliato di frequentare l’Accademia di Costume e Moda e di partecipare al Master da uno dei miei art director della scuola in cui ho conseguito la laurea, dopo quella maturata a San Francisco. Dato che inizialmente studiavo fashion design concentrandomi in particolare sulla maglieria, ho voluto continuare il mio percorso in questa direzione, mettendo la lente sulla componente più industriale. Per questo sono volato in Italia per continuare la mia formazione e la mia carriera.

Qual’ è il valore aggiunto che ti è derivato dalla partecipazione al master?

Ci sono tonnellate di valori aggiunti che il prendere parte al Master ha conferito alla mia professione, come l’approfondimento della conoscenza di base della maglieria e il poter vedere addetti ai lavori dalla solida esperienza impiegare macchine per maglieria industriali. Durante i corsi, inoltre, ho anche potuto esplorare i diversi tipi di punti, tecniche, filati, motivi oltre ai processi industriali di produzione dei capi. Ma non solo, in occasione delle visite fatte agli stabilimenti ho potuto acquisire importanti informazioni sul ​​lavaggio e il pre-restringimento potendo verificarle anche nel concreto.

Per la realizzazione della sfilata di chiusura ha utilizzato Harmony di Tollegno 1900. Conoscevi già l’azienda?

Sì, Tollegno 1900 ha fatto visita alla nostra classe e ho avuto la fortuna di essere presente. Ho studiato diversi libri di filati prima dell’incontro, quindi ero preparato sull’azienda. Quando ci è stata mostrata la nuova collezione di filati dell’AW 2023, sono stato attratto da Harmony e Harmony NT perchè li ho subito ritenuti perfetti per la mia collezione.

Le aspettative che avevi in merito ad Harmony sono state confermate?

Assolutamente, soprattutto perché per le mie realizzazioni avevo bisogno di una gamma specifica di colori e di una sensazione di mano calda e morbida che Harmony mi ha subito dato. Non ultimo il filato iconico di Tollegno 1900 aggiunge un tocco di intimità alla collezione…immaginiamoci di indossarlo stando seduti accanto al camino in una giornata fredda e nevosa.

Anche Harmony NT ha risposto alle tue esigenze…

Harmony NT è un tipo di filato ideale per la maglia infeltrita che ha un forte legame con la mia collezione pensata per rappresentare il lato morbido di una donna forte. Alla fine, ho deciso di usare sia Harmony che Harmony NT per realizzare la mia collezione così da creare un equilibrio di trame.

Nel concreto come li hai impiegati?

Ho usato Harmony in 3 dei miei abiti, dai pantaloni larghi a pieghe di 12 gauge a un cardigan a strati di 5 gauge. Per il primo outfit ho scelto di utilizzare la costa inglese per creare uno strato caldo sulla maglia, e pieghe sottili con strisce per aumentare la fluenza del look. Per il secondo, invece, sono ricorso a Harmony come base, perché ha la capacità di poter essere “disegnato” con diverse tecniche. Inoltre, come parte del disegno, ho usato un punto a treccia misto all’angolo del maglione per scopi decorativi. Per l’ultimo look, ho lavorato con Harmony e Harmony NT così da creare una differenza tra ampio e teso, utilizzando il primo filato nel cardigan ampio e il secondo, infeltrito, nel maglione e nel cappuccio.

Share on...

Keep in touch!

Iscriviti alla newsletter

Credits

Graphic design and web development: 3PM Studio
Copywriting: Raffaella Borea
SEO: Gilberto Rivola
Photography: Marzia Pozzato