13/09/2022
T Etica, T Network
31/05/2022 
| T Etica, T Network
Tornano al Teatro alla Scala il prossimo 25 settembre gli Oscar della moda sostenibile assegnati dalla Camera Nazionale della moda italiana.

Tornano “live” dopo l’ultima premiazione del 2020, svoltasi in formato digitale causa pandemia, i Sustainable Fashion Awards che, per la quinta edizione, si vestono di novitĂ  a partire dai partner: non piĂą EcoAge di Livia Firth, ma l’Ethical Fashion Initiative (EFI) delle Nazioni Unite. Un segnale tangibile dell’evoluzione della manifestazione che affianca al “core” della sostenibilitĂ  ambientale anche temi ugualmente centrali come i diritti umani e l’inclusione. Ad essere consegnati il 25 settembre al Teatro alla Scala di Milano saranno 12 riconoscimenti esclusivi destinati alle personalitĂ  e alle realtĂ  del settore che si sono distinte per vision, innovazione, economia circolare, artigianato.

Quali sono le caratteristiche che rendono la lana merino un filato unico? Viaggio tra le doti di una fibra che non ha uguali…
Nel nome della sostenibilitĂ , tracciabilitĂ  e responsabilitĂ  sociale Tollegno 1900 sposa il progetto NATIVA. PiĂą di una certificazione, un modo di interpretare il mondo della lana
Una rete di imprese della filiera tessile hanno dato vita ad un progetto nel segno dell’innovazione, della ricerca e della sostenibilità che deve il suo nome (e il suo logo) ad un Contest
Anche per questa edizione Tollegno 1900 partecipa al Concorso promosso da Feel The Yarn con l’obiettivo di dare visibilità a giovani designer internazionali
Nato dalla collaborazione tra Connecting Cultures e C.L.A.S.S. , il concorso proclamerĂ  il vincitore a marzo 2022. In premio 3000 euro
Crediamo nel valore di attestati che comprovino la conformità dei nostri prodotti e processi a specifici standard per dare al cliente un plus di valore. Un esperto spiega perché sono importanti

Keep in touch!

Iscriviti alla newsletter

Credits

Graphic design and web development: 3PM Studio
Copywriting: Raffaella Borea
SEO: Gilberto Rivola
Photography: Marzia Pozzato