Continua la collaborazione tra le due aziende nel nome di Harmony

“Come Shima Seiki Italia siamo entusiasti di avere avuto un partner come Tollegno1900 nella realizzazione di alcuni progetti che abbiamo presentato a Pitti Filati #95. Per noi il filato è l’aspetto cardine con il quale possiamo sperimentare sulle nostre tecnologie e con Tollegno1900 sono ormai anni che ci interfacciamo per sviluppare iniziative sempre nuove. Posso affermare che, anche in quest’ultima occasione, l’azienda ha camminato al nostro fianco supportandoci con entusiasmo, ed è per noi un onore oltreché un piacere sapere di avere un partner così”. Ha commentato così Davide Barbieri, CEO di Shima Seiki Italia, la collaborazione sviluppata con Tollegno 1900 in occasione della fiera fiorentina. Durante la kermesse, infatti, lo staff Shima Seiki Italia ha indossato una divisa realizzata in Harmony 4.0 2/48 utilizzando la macchina SWG XR finezza 15. “Per dar vita a questo progetto abbiamo collaborato anche con il team Forza Giovane che si è occupato dell’applicazione del logo di Tollegno 1900”. Oltre agli outfit del team, il filato iconico dell’azienda biellese in finezza 2/30 e colore Marino-Ivrea è stato inoltre impiegato per la maglia da uomo “facce da marinai”. “Questo capo, la cui parte centrale è stata lavorata in scarto d’ago mentre le maniche sono in finezza pura, ha letteralmente preso forma grazie alla macchina MACH2 173X fin. 8”. Nel corso della Fiera, infine, a dar vita ad uno scaldacollo composto dal filato Harmony 4.0 Eco 2/48 nei colori Beige, Grigio, Bianco, Carta mel e Neve, è stato il dispositivo di ultima generazione SWG-XR fin. 18. “Da diverse stagioni siamo al fianco di Shima Seiki Italia – commentano da Tollegno 1900 – e ogni progetto a cui diamo vita riesce ad essere la sintesi perfetta tra tecnologia e innovazione, tra stile e qualità del prodotto finale”.

 

Share on...

Keep in touch!

Iscriviti alla newsletter

Credits

Graphic design and web development: 3PM Studio
Copywriting: Raffaella Borea
SEO: Gilberto Rivola
Photography: Marzia Pozzato