PhotoActive® Tex, grazie alle sue componenti, denatura la membrana lipidica di batteri e agenti patogeni, compreso il Covid-19. Impiegato su prodotti tessili mantiene il suo potere virucida per 30 lavaggi

Annientare virus, batteri e tutti gli altri corpuscoli presenti nell’aria: questo l’obiettivo di  PhotoActive® Tex prodotto da Biomedical Pharma, ramo aziendale di Power Metal Italia, che ha l’esclusiva della distribuzione a livello mondiale per l’uso sui prodotti tessili, in Europa e nelle Americhe per tutte le altre applicazioni. Bastano pochi minuti dalla sua applicazione per debellare il 99,9% dei microrganismi con cui entra in contatto e, se usato su prodotti tessili con fibre naturali o sintetiche, permane nei suoi effetti fino a 30 lavaggi in lavatrice ad alta temperatura. Alla base della sua efficacia c’è una reazione fotocatalitica, generata dal biossido di titanio, che è in grado di denaturare, attraverso delle nanoparticelle, la membrana lipidica di bacilli & co. I test realizzati dall’azienda per verificare il potere virucida del prodotto, nato da ricerche condotte dal chimico Luigi Gravelli, ne hanno confermato il valore per debellare sia virus influenzali del ceppo H1N1, sia coronavirus SARS-CoV-2. “L’uso sui materiali tessili – ha spiegato in una recente intervista rilasciata ad un magazine del comparto filati e tessuti Omar Alessandrini, amministratore unico di Power Metal Italia  – è quello che ci è parso più naturale, sia perché operiamo a Prato, sia perché gli abiti e le mascherine sono i primi scudi che si interpongono tra noi e il virus. Per i trattamenti del tessile abbiamo in mente un servizio particolare, che possa consentire l’applicazione del prodotto direttamente nella nostra azienda. Stiamo lavorando con aziende meccanotessili pratesi per arrivare ad avere nei nostri spazi un impianto di nebulizzazione dedicato a questa operazione”.

Share on...

Keep in touch!

Iscriviti alla newsletter

Credits

Graphic design and web development: 3PM Studio
Copywriting: Raffaella Borea
SEO: Gilberto Rivola
Photography: Marzia Pozzato